sabato 9 novembre 2019


Risultati immagini per ioleggoperchè che
Martedì 29 ottobre tutte le classi prime sono state impegnate in un momento coinvolgente di letture animate, gestito dalle responsabili dell libreria Pandizenzero di Collegno, nell'ambito del progetto Ioleggoperché, a cui la nostra scuola per la prima volta ha aderito. E' stato il primo di altri appuntamenti che coinvolgeranno in primavera tutte le classi, al fine di promuovere la lettura tra i nostri ragazzi auspicando che le si restituisca il posto che merita tra le numerose attività a cui si dedicano.




lunedì 4 novembre 2019

Progetto PON di inglese alla "66 Martiri"



A ottobre sono cominciati i progetti PON 2014/2020. 
"Siamo quello che mangiamo" per le classi seconde, è un progetto di scienze sull'alimentazione di 30 ore, a cura della prof.ssa Vitale.

24 ragazzi delle nostre classi terze invece, hanno aderito al progetto  sulla lingua inglese "Siamo quello che diciamo". Un pacchetto di 70 ore prevede la frequenza di un laboratorio per la preparazione alla eventuale certificazione Cambridge KET/PET con l'insegnante madrelingua Helen Monk.

Le restanti 30 ore prevedono  la frequenza di un laboratorio di cinematografia in lingua inglese tenuto dalla sottoscritta.
Questo mini corso comprende 4 visite laboratoriali al Museo Nazionale del Cinema di Torino (visite con guida in lingua inglese che trattano quattro tematiche interessanti: il precinema, il film, i disegni animati e il cinema in 3D). Attualmente sono state svolte già le prime due visite ed è imminente la terza.
A fine novembre, sempre al sabato mattina, il
laboratorio proseguirà nei locali della scuola  con 
Il museo del cinema
attività di cineforum in lingua inglese. 
I ragazzi vedranno tre film di genere diverso in lingua originale e a seguire si parlerà di generi cinematografici, di premi Oscar, di schede filmografiche  in lingua e il tutto si concluderà con un contest finale a squadre con premi per tutti i partecipanti al progetto.
Un modo diverso di fare scuola e soprattutto una maniera forse più piacevole di mettere in pratica lo studio della lingua inglese.
Bravi i ragazzi, tutti interessati e motivati.







Siti utili:

the birth of the cinema 

the evolution of cinema

every best picture ever (the Oscars)

Demo 3D
Every best visual effects winner. Ever.

Every  best animated feature winner. Ever. 

Top 100 movies



L'avventura cinematografica è cominciata: Hollywood arriviamo!!!!


I trailers dei tre film in visione nel cineforum:

"Young Sherlock Holmes"

"Green Book";   Sam Smith "Pray" (soundtrack of the film)

"Lion"Sia" Never give up" (soundtrack of the film)














domenica 20 ottobre 2019

SCRITTORI IN ERBA alla "66 Martiri"



Ho chiesto alle classi prime e seconde di lavorare in gruppo, per far apprendere loro la competenza relativa a saper gestire i rapporti interpersonali anche extra gruppo degli amici. Ho messo molte difficoltà: il gruppo è stato casuale; era composto da almeno 4 persone e solo tre avevano un ruolo specifico; dovevano inventare una storia che contenesse 3 elementi predeterminati. Uno di loro doveva fare il “cancelliere” e scrivere. Un altro doveva fare il “moderatore” e vigilare in modo che il gruppo parlasse a voce bassa per non disturbare gli altri e che ciascuno collaborasse e fosse propositivo. Il moderatore doveva gestire gli interventi proprio come se si fosse trattato di una tavola rotonda. Infine l’attore doveva raccontare la storia elaborata. Gli elementi predeterminati erano due persone, un filo e un animale. Avevano 50 minuti di tempo per elaborarla. Un gruppo di seconda media si è distinto per la creatività e la cura dei particolari. Si potrebbe fare un cartone animato, è piaciuta tantissimo agli ascoltatori.
Tra le tante storie create, ne pubblichiamo tre.

                                                                                             (Prof.ssa Tosco)


"VICKY E IL FILO MAGICO"

C’era una volta una ragazza di nome Vicky, di tredici anni, che viveva in Spagna in un villaggio di campagna insieme alla sua mamma di nome Lia, che faceva la sarta. La vita di Vicky era difficile, perché la sua famiglia era povera. Un giorno, nel doppiofondo di un cassetto, trovò un filo argentato con cui si fece un braccialetto. La prima volta che lo indossò successe un fatto incredibile: svenne e al risveglio si trovò sdraiata sul prato circondata da persone che la guardavano sospettosi. Avevano la pelle abbronzata, gli occhi molto particolari ed erano vestiti con grosse foglie e collane fatte di denti di animali feroci. Vicky, terrorizzata, si alzò urlando, ma non riuscì a scappare, perché gli indigeni avevano fatto una barriera intorno a lei. Un giovane ragazzo con una collana più preziosa delle altre , le si avvicinò e le chiese la sua provenienza: lei gli spiegò ciò che era accaduto e si tranquillizzò, perché vide che gli indigeni abbassavano le armi. Il ragazzo si chiamava Ciprian , ed era il capo della tribù, e le parlò della incredibile storia del suo popolo: uomini capaci di trasformarsi in giaguari di notte, per cacciare. Ciprian l’accolse nella sua capanna, la presentò ai suoi genitori e la portò a visitare la sua terra. Vicky non voleva perdersi la trasformazione dei Mohycan (questo il nome della tribù). Quella notte fu davvero uno spettacolo incredibile. Ciprian, trasformato in giaguaro, la portò sul dorso tutta la notte. All’alba tornarono a casa e le confessò che da un po’ di tempo la caccia andava molto male, a causa del terribile Sauys a capo dei Laurys, mostri ricoperti di squame, che avvelenavano le piante e distruggevano la foresta. Quella notte stessa  Vicky propose di tendere un agguato ai distruttori. La battaglia fu terribile e molti si ferirono, i superstiti scapparono. Ciprian fu colpito da una squama avvelenata, Vicky era disperata e provò a mettergli il suo braccialetto. Ciò che accadde in seguito nessuno mai lo avrebbe potuto immaginare: il braccialetto non solo curò il ragazzo, ma sciolse anche le punte avvelenate dei Laurys. Vicky venne proclamata principessa della tribù e decise di vivere per sempre in quella terra, con sua madre e il suo carissimo amico Ciprian.
                                                                                                 
                                                                                                 (Classe 2^B)







                                        "IL MONDO DI FUFFY"


In una casa di montagna vivevano due fratelli con un gatto: Laura, Paolo e Fuffy. Un giorno il micio scappò di casa e i due ragazzi lo rincorsero. Il gatto li portò fino ad una casa abbandonata e qui si lasciò avvicinare e prendere. Paolo e Laura sarebbero potuti tornare a casa, ma spinti dalla curiosità decisero di entrare nell’edificio. Esplorando la dimora si ritrovarono in una bizzarra soffitta. Mentre osservavano i vari oggetti notarono che Fuffy si era impigliato in un groviglio di fili e andarono da lui per aiutarlo a liberarsi. Ma quel filo non era normale, era magico, e non appena essi ebbero toccato il filo attorcigliato sul micio vennero teletrasportati in un mondo parallelo: si trovarono davanti ad una nocciola gigante a forma di negozio, in cui entrarono a chiedere informazioni. Il proprietario del negozio era uno scoiattolo che spiegò loro che si trovavano nel mondo degli scoiattoli e che per poter ritornare a casa avrebbero dovuto battere a scacchi il re degli scoiattoli, chiamato l’”imbattibile”. Diede loro anche una mappa per arrivare al castello. Si incamminarono nella direzione indicata e si accorsero di avere di nuovo smarrito il loro gattino. Arrivarono davanti al maestoso palazzo dove c’erano due guardie scoiattolo che, sentendo cosa volevano fare, raccontò loro che nessuno aveva mai battuto il sovrano a scacchi e chi ci aveva provato senza risultato era poi stato trasformato in scoiattolo e messo in prigione a vita! I ragazzi ringraziarono dell’avviso ricevuto, ma non desistettero dalla decisione presa, perché volevano rientrare a casa.  Quindi accettarono comunque la sfida e raggiunsero la scacchiera gigante. Quando il re si degnò di arrivare all’incontro notarono che era veramente enorme e che assomigliava molto a Fuffy. Per fortuna Paolo era molto bravo a scacchi e in poche mosse riuscì a fare scacco matto al re scoiattolo gigante, che in realtà era il loro gatto Fuffy. Che delusione e rabbia in quei ragazzi! Il loro micione ora piangeva sdraiato per terra e i due fratelli videro che all’estremità della lunga coda vaporosa c’era di nuovo quel filo che sembrava aver imbrigliato Fuffy nella soffitta sconosciuta. Allora si fecero dare il filo magico dal gatto e lo costrinsero anche a far tornare normali gli altri prigionieri che non erano riusciti a vincere il re al gioco degli scacchi. Poi Fuffy stesso per la vergogna decise di rinchiudersi nella prigione ora vuota per non uscirne mai più. Paolo, Laura e gli altri ragazzi tornarono alle loro famiglie. Qualche giorno dopo si riunirono tutti nella casa abbandonata e lì ricongiunsero il filo preso al gatto con il rimanente filo magico depositato in soffitta e bruciarono tutto.

                                                                                                 (Classe 1^E)







                    "FESTA IN MASCHERA  AD HALLOWEEN"



Era  la notte di Halloween e c'erano tre ragazzi che si chiamavano Vanessa, Christian e Nicolò e c'era anche un cane di nome Stecca.
Erano stati invitati ad una festa in maschera; per l'occasione decisero di andare nel nuovo negozio della città che gli aveva consigliato un amico. Il negozio era situato in un vicolo sperduto del quartiere.
Entrarono nel negozio e  notarono che non c'era nessuno ma d'altro canto c'era una vasta scelta di costumi.
Nicolò notò una porta in fondo al negozio: coraggioso ed impavido aprì la porta e vide una sarta vestita da suora che tesseva con un filo dorato. Nicolò salutò amichevolmente la suora e lei senza dire nulla,  si avvicinò al ragazzo, gli poggiò la mano sulla spalla e poco a poco il ragazzo si dematerializzò perdendo tutti i suoi ricordi. Ogni suo conoscente aveva inoltre rimosso il ricordo della sua esistenza. Gli amici inconsapevoli continuarono le loro compere. Christian si vestì da vampiro, Vanessa da mummia e il cane da zucca. I due ragazzi ed il cane si diressero alla festa che era molto movimentata: gente che beveva, che giocava a carte e altro. Tutti affermarono di aver comprato i loro vestiti in quel negozio nuovo. Tutto andò per il meglio quando allo scoccare della mezzanotte i vestiti dei ragazzi cominciarono a stringersi e ognuno diventò il personaggio del proprio costume.
Poco dopo, una macchina della polizia si avvicinò per controllare la situazione ma venne distrutta e i poliziotti furono uccisi dai mostri che popolavano il cimitero. Più tardi la sarta venne al cimitero con passo lento consumando ogni ragazzo ed ogni mostro che gli capitava davanti fino a raggiungere Vanessa. Ma  il cane, per la rabbia e la tristezza non si trasformava. Era come se l'incantesimo non funzionasse su di lui. Quindi Stecca con rabbia strappò il filo d'oro dal costume di Vanessa facendo svanire l'effetto e ormai avendo capito come fermare l'incantesimo, trovò Christian e gli strappò con forza il filo dal vestito, facendo tornare normale il ragazzo. La suora arrabbiata li inseguì velocemente ma i ragazzi ed il cane si rifugiarono in una piccola chiesa vicina. La notte sembrava infinita ma notarono che l'alba stava sorgendo. Davanti a loro apparve la sarta che al sorgere del sole scomparve lasciando piccoli pezzi di polvere  e tra questi una lettera con su scritto:

                                         "ORA NON CI SONO MA OGNI 31                   
                                        CI SARO' E PRENDERO' QUALCUNO
                                        PER SOPRAVVIVERE 10, 100, 1000 ANNI.
                                        PS: IO SONO UNA LEGGENDA.
                                        NON MI POTETE SCONFIGGERE!!"


                                                                                             (Classe 1^D)                                                                                                                    




                                                                                             

martedì 15 ottobre 2019

Chi ben comincia....


Le attuali classi seconde e terze, durante il periodo estivo, hanno realizzato un elaborato grafico in cui applicare le conoscenze e le abilità acquisite durante lo scorso anno scolastico.

Alle classi terze è stata assegnata la riproduzione di una composizione di primule, da colorare con colori vivaci, utilizzando le sfumature e facendo attenzione a differenziare con colori contrastanti le figure dallo sfondo.
 


Le classi seconde, dopo aver ingrandito un paesaggio con il metodo delle mediane, per mantenere le proporzioni del disegno originale, hanno colorato l’elaborato con le matite, applicando le tecniche imparate a scuola per la resa dei fili d’erba, dei cespugli, del cielo e della profondità con il colore. I ragazzi avevano l’opportunità di arricchire il disegno con texture o particolari tracciati a pennarello e di utilizzare anche colori non rispondenti alla realtà.